Giornata api, clima pazzo taglia raccolti primavera

Il clima pazzo con sbalzi improvvisi dalla siccitΓ  ai nubifragi e dal caldo al freddo, senza dimenticare le gelate tardive, sta compromettendo le raccolte di mieli primaverili in Lombardia dove si contano circa 160 mila alveari, secondo i dati dell’anagrafe zootecnica. È quanto afferma la Coldiretti regionale da un primo monitoraggio sul territorio in occasione della Giornata mondiale delle api che si celebra il 20 maggio.

In provincia di Brescia – continua la Coldiretti – la siccitΓ  prima e le piogge poi, arrivate nel momento della fioritura, hanno ridotto la raccolta di mieli di tarassaco, millefiori primaverile e acacia: β€œla stagione Γ¨ iniziata male a causa dell’instabilitΓ  del tempo – racconta Cinzia Lonati apicoltrice di Botticino (BS) – le api hanno avuto bisogno di nutrizione di sostegno per tutto il mese di aprile, Β siamo riusciti comunque a raccogliere Β qualcosa e abbiamo messo i melari. In montagna invece la situazione Γ¨ diversa, le api stanno probabilmente per il minor sbalzo termico tra giorno e notte. Confidiamo che il meteo possa stabilizzarsi in tempo per le prossime fioriture, a cominciare da quelle dell’acacia”.

GiΓ  lo scorso anno l’Italia – continua la Coldiretti – ha detto addio a quasi 1 vasetto di miele su 4 (23%) rispetto a poco piΓΉ di un decennio fa. Il calo delle produzioni ha lasciato spazio alle importazioni dall’estero che a livello nazionale nel 2022 sono cresciute del +12%, provenienti anche da Paesi che non sempre brillano per trasparenza e sicurezza alimentare.

Non Γ¨ un caso, infatti, che – sottolinea la Coldiretti – fra i campioni di miele importati nella UE fra il 2021 e il 2022, quasi 1 su 2 (46%) sia sospettato di adulterazione, secondo l’indagine β€œFrom the hives” del Centro Comune di Ricerca (Ccr) della Commissione europea. Il numero assoluto piΓΉ alto viene fatto registrare dalla Cina (74%), con la Turchia che ha la percentuale relativa maggiore di campioni sospetti (93%) mentre il Regno Unito ha registrato un tasso di campioni dubbi ancora piΓΉ elevato (100%), probabilmente perchΓ¨ si tratta di miele prodotto in altri Paesi e ulteriormente miscelato prima di essere rispedito in Europa.

Uno scenario preoccupante in cui – sottolinea Coldiretti – l’Italia ha importato dall’estero oltre 26,5 milioni di chili di miele nel 2022, con gli arrivi dalla Turchia cresciuti del +146%, dalla Cina del +66%, dalla Romania del +134% e dall’Ucraina del +83%. Per questo i giovani della Coldiretti si sono mobilitati da Nord a Sud della Penisola con la campagna β€œGodΒ saveΒ theΒ beesΒ – Meno api meno futuro” a sostegno del #mieleitalianoΒ sensibilizzando personaggi della politica, della cultura, dello sport e delle spettacolo.

Il miele prodotto sul territorio nazionale, dove non sono ammesse coltivazioni Ogm a differenza di quanto avviene ad esempio in Cina, Γ¨ riconoscibile attraverso l’etichettatura di origine obbligatoria fortemente sostenuta dalla Coldiretti. La parola Italia deve essere presente per legge sulle confezioni di miele raccolto interamente sul territorio nazionale (Es. Miele italiano) mentre nel caso in cui il miele provenga da piΓΉ Paesi dell’unione Europea, l’etichetta – continua la Coldiretti – deve riportare l’indicazione β€œmiscela di mieli originari della Ue” indicando il nome dei Paesi (ad esempio, se viene da Italia e Ungheria sul barattolo dovrΓ  esserci scritto Italia, Ungheria); se invece proviene da Paesi extracomunitari deve esserci la scritta β€œmiscela di mieli non originari della Ue” con il nome dei Paesi, mentre se si tratta di un mix va scritto β€œmiscela di mieli originari e non originari della Ue”, anche qui con l’indicazione dei nomi dei Paesi.