Provincia di Brescia: 40mila euro ai comuni di Niardo e Braone per l’emergenza alluvionale

Il Presidente Samuele Alghisi ha approvato il Protocollo d’Intesa tra la Provincia di Brescia e i comuni di Niardo e Braone per sostenere il territorio camuno, fortemente colpito dall’alluvione di luglio.

Come è noto, nella notte tra mercoledì 27 e giovedì 28 luglio scorso, dopo settimane di afa e siccità, un violento temporale si è abbattuto sulla media Vallecamonica riversandovi in poche ore lo stesso quantitativo di acqua caduta a Brescia nei sette mesi precedenti. La drammatica situazione determinatasi nei Comuni di Niardo e Braone, a seguito dell’esondazione dei torrenti Re e Cobello, ha provocato, oltre che ingenti danni a privati e aziende del territorio, anche una grave situazione di disagio alle popolazioni e alle attività ivi insediate ed enormi difficoltà operative

“La Provincia di Brescia – ha dichiarato il Presidente Alghisi – ha fin da subito attivato tutti i protocolli di Protezione Civile e coordinato le 30 squadre che sono intervenute sul campo. Sono state inoltre messe in atto in modo puntuale tutte le operazioni di pulizia e sgombro da fango e detriti dei tratti di strada provinciale. In quanto Casa dei Comuni, riteniamo però fondamentale e indispensabile supportare anche economicamente i territori colpiti.

Attraverso il Protocollo, la Provincia di Brescia si impegna a sostenere finanziariamente i comuni di Niardo e Braone con una somma complessiva di 40 mila euro: 30 mila destinati al Comune di Niardo e 10 mila al Comune di Braone.

“I Comuni di Niardo e Braone – ha concluso Alghisi – hanno risposto con prontezza e dedizione al grave stato emergenziale, organizzando immediatamente, con il sostegno dei sindaci limitrofi, l’intervento encomiabile delle squadre dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile, e di tantissimi volontari. Si è constatata una forte partecipazione di tanti cittadini e volontari alle attività di intervento in emergenza, di sostegno alla popolazione e alle famiglie sfollate e di ripristino della parziale abitabilità di case e negozi. Colgo l’occasione per ringraziare il Consigliere delegato alla Protezione Civile, Antonio Bazzani, e tutti i volontari che come sempre hanno dimostrato prontezza e generosità. Ancora una volta esprimo la mia vicinanza ai sindaci e alla popolazione”.