Radio Giornale Mattina

Le bande che operano sul territorio bresciano sono numerose, tanto che ad ogni – difficile – arresto seguono sempre nuovi colpi. Anche nella notte di sabato i malviventi sono entrati in azione nella Bassa, a cavallo delle province di Brescia e Cremona. Prima i ladri – almeno tre persone con il viso coperto – sono entrati in azione nel centro di Soncino, facendo saltare uno sportello automatico delle Poste e dandosi alla fuga prima dell’arrivo dei carabinieri. Poi – meno di mezz’ora dopo – si sono spostati a Orzinuovi, dove hanno preso di mira un altro Postamat, stavolta a colpi di mazza. Il bottino dei due colpi è di qualche migliaio di euro. Ma le telecamere potrebbero fornire elementi utili a identificare i componenti della banda.

 

Il gip Giulia Costantino ha convalidato la chiusura (e il sequestro di 3mila euro in contanti) dei due centri massaggi chiusi a Rezzato, nei giorni scorsi, dalla Polizia locale. Secondo l’accusa nei due centri si praticava la prostituzione, con prestazioni che andavano dai 30 ai 100 euro ed arrivavano a veri e propri rapporti sessuali. Anche se nella maggioranza dei casi ci si limitava a preliminari. A dare il là alle indagini era stata una donna, insospettita dai continui prelievi bancomat del marito. La moglie aveva pedinato l’uomo, scoprendo che era assiduo frequentatore di uno dei due centri chiusi per esercizio della prostituzione.

 

Sta arrivando alle fasi finali il fallimento del gruppo Ca Noa di Brescia, storica realtà bresciana – che da oltre 30 anni opera nel settore dell’ospitalità e della ristorazione – di cui è stato decretato il fallimento nell’ottobre del 2018. Da allora sono seguite due udienze, una a febbraio e l’altra a giugno, per decretare lo stato passivo della società di via Branze 61. Ma nel frattempo le attività del gruppo (ristorazione e hotel) hanno continuato ad operare, anche per preservarne il valore. Ora l’appuntamento è per il 4 ottobre, quando l’intero polo commerciale sarà battuto all’asta.

 

Non ci sono ancora notizie di Romina Pezzotta, la 35enne originaria di Trescore Balneario, ma residente da qualche anno nella Bassa Bresciana, a Pontevico, con le figlie e il marito. La donna è scomparsa da casa una decina di giorni fa, il 29 agosto, e l’ultima persona a vederla era stata la madre. La 35enne aveva detto che avrebbe lasciato la propria auto a Bergamo per tornare a casa in treno. Ma a Pontevico non è mai arrivata e la sua vettura, una Lancia Ypsilon nera, non è mai stata trovata.

 

PALCOSCENICO
È un grande ritorno. Dopo anni di attesa, con il ricordo di risate e girandole di avventure, l’eccezionale Paola Rizzi torna a calcare il palco di Acque e Terre Festival nei panni della star che il pubblico ha imparato ad amare.

L’attrice bresciana si esibirà in ben quattro date per Memorie di Terra. Ad aggiudicarsi le prime due serate, vicine tra loro, sono Odolo, per la sera di lunedì 9 settembre in piazza Santa Maria Bambina (frazione di Cagnatico, alle 20,30) e Calcinato, per mercoledì 11 settembre, in piazza della Repubblica, sempre alle 20,30.

In caso di maltempo a Odolo lo spettacolo si terrà al parco La Rinascita via Montaer;

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *