• Giovanni Allevi a Dis_Play

    Un concerto di Natale superlativo in arrivo a Brescia: il 14 Dicembre Giovanni Allevi salirà sul palco di Dis_PLay al Brixia Forum Read More
  • A Brescia c'è Luca Carboni!

    Luca Carboni, inizia lo SPUTNIK TOUR Sabato 3 novembre 2018, ore 21:30 Gran Teatro Morato - Brescia Il nuovo singolo IO NON VOGLIO Read More
  • Rassegna della Microeditoria: Inventiamo il futuro

    Torna anche quest'anno a Chiari, dal 2 al 4 novembre, la Rassegna della Microeditoria di Chiari in Villa Mazzotti. Se la cultura Read More
  • Il teatro è popolare con la Compagnia Filo di Rame di Palazzolo

    Anche per questo quinto anno di attività la Compagnia Filodirame propone all'interno del Teatro Sociale di Palazzolo sull'Oglio una ricca Stagione Eventi Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Festival pianistico internazionale di Brescia e Bergamo: dal 18 aprile al 16 giugno

Čajkovskij Mon Amour è il tema della 55ª edizione del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, il festival che ha fatto parlare di sé come uno dei più belli e prestigiosi in Europa imponendosi tra le manifestazioni più importanti al mondo dedicate al pianoforte, e non solo.

 

 

Fin dagli esordi, quando per cinque anni vide esibirsi Arturo Benedetti Michelangeli, protagonista indiscusso il pianoforte che al festival, oltre che dominare la scena come strumento solista, è molto spesso anche il prestigioso interlocutore di grandi orchestre internazionali dirette da nomi di spicco.
Il Festival, posto sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e del Presidente del Parlamento Europeo, negli anni ha fatto delle due città lombarde la culla della grande musica dal respiro internazionale entro scenari di bellezza modellata nei secoli dall'arte e dalla cultura diffuse.
Fondato nel 1964 dal M° Agostino Orizio, il Festival è diretto dal M° Pier Carlo Orizio che anche quest'anno nelle splendide cornici del Teatro Grande di Brescia e del Teatro Sociale di Bergamo Alta, gioielli architettonici di fine Settecento dal fascino sontuoso, presenta l'élite della grande musica mondiale.

 

 

 

Una delle caratteristiche che distinguono il Festival Pianistico Internazionale, oltre l'eccezionale livello qualitativo mantenuto per l'intero lungo arco di tempo, è la sua fisionomia a tema, con un filo conduttore che, di volta in volta, ispira il programma e determina la scelta degli interpreti.
Dopo le monografie dedicate a Beethoven e Mozart, quest'anno è la Russia e Čajkovskij in particolare a dominare la scena a partire dalla sera dell'inaugurazione con Romeo e Giulietta, ouverture-fantasia considerata il primo capolavoro del compositore russo.


E proprio un sottile e raffinato legame artistico, oltre che biografico, con Čajkovskij sta dietro la scelta di dedicare a Debussy, autore chiave per il pianoforte, nel centenario della morte, la Rassegna "cammeo" ospitata a Brescia nello splendido chiostro del Monastero di San Giuseppe, spazio dall'acustica perfetta in grado di offrire una cornice open air di rara suggestione, complice anche un ciliegio secolare in piena fioritura al centro del chiostro.
La Rassegna collaterale, il cui titolo quest'anno è Au clair de la lune, Omaggio a Claude Debussy, tra il 1 e l'8 giugno, rappresenta una novità delle ultime edizioni del Festival che trova in questa sorta di "appendice", o "Festival nel Festival", il format per presentare giovani talenti che molto velocemente hanno conquistato la scena internazionale.

 

 

È un ruolo di vero e proprio talent scout quello che il Festival ha avuto nel corso degli anni lanciando e ospitando spesso per primo astri nascenti, successivamente affermatisi nella ribalta internazionale come star carismatiche. È il caso per esempio di Andrea Battistoni (classe 1987) assistente di Pier Carlo Orizio a Verona che nel giugno 2008 debutta al 45° Festival con il suo primo concerto (in assoluto) come direttore e nel 2012 diventa, a soli 24 anni, il più giovane direttore mai salito sul podio del Teatro alla Scala. Oppure Yuja Wang, ora stella della scena internazionale, si è esibita al Festival nel 2009 (46ª edizione). O ancora Federico Colli, uno dei talenti a cui il Festival è più affezionato, pianista bresciano vincitore del Concorso di Leeds nel 2012 che aveva debuttato al Festival già l'anno prima. Tra gli ultimi talenti Alexander Malofeev, che ha inaugurato la 54ª edizione e che tornerà anche quest'anno, a cui il Festival è arrivato secondo solo dopo la Scala.

 

 

 

Difficile, nell'edizione di quest'anno con un programma di così alto profilo complessivo, individuare date più importanti di altre, considerando per esempio nomi come quello leggendario di Martha Argerich o quello di Grigory Sokolov vero oggetto di culto, o del prodigio sedicenne Alexander Malofeev. E ancora, Yuja Wang e molti altri tra cui Alexander Romanovsky o Daniil Trifonov, o l'unico italiano (escludendo la rassegna Debussy), Filippo Gorini, ex stelle emergenti e ormai entrati nel gotha del pianismo mondiale, nomi che compongono un cartellone di rara preziosità e che non conosce battute d'arresto.

Veri e propri miti del pianismo internazionale come Mikhail Pletnev, uno dei maggiori pianisti viventi ma anche poliedrico musicista, impostisi ormai all'attenzione anche di un pubblico più allargato. Un fuoco di fila di star che sembra impossibile vedere riunite in una sola manifestazione e che non si limitano esclusivamente al pianoforte.

Il Festival, con un doppio debutto, inaugura infatti il 18 aprile a Bergamo e il 19 a Brescia proprio con Viktoria Mullova, tra i violinisti più celebrati al mondo (medaglia d'oro giovanissima al Concorso Čajkovskij a Mosca), un'artista dalla personalità dirompente e il cui repertorio spazia con una straordinaria duttilità dal classico al contemporaneo. E prosegue con altri due tra i più talentuosi violinisti del nostro tempo, Sergej Krilov, anche Direttore della Lithuanian Chamber Orchestra, e Nicola Benedetti, la popolare e precocissima violinista italo scozzese.

 

 

Tra le orchestre spiccano le presenze della Royal Philarmonic Orchestra, della Royal Scottish National Orchestra o della Mariinsky Theatre Orchestra che chiude al Teatro degli Arcimboldi a Milano diretta da Valery Gergiev. Senza dimenticare la Filarmonica del Festival, la compagine resident formata da musicisti che, a dispetto della giovane età, hanno già maturato importanti esperienze internazionali sotto la guida di Pier Carlo Orizio. Ed è proprio il direttore a sottolineare "il valore quasi di sfida e di scommessa che c'è nel far nascere un'orchestra di giovani all'interno di un festival, un investimento per il futuro al quale garantire sempre più risorse e spazi".

 

 

 

Data di pubblicazione: 14/04/2018