• Le ricette di Kiki

    Oggi Le Ricette di Kiki propone: PROSCIUTTO E MELONE IN INSALATA Ingredienti: un piatto di insalata mista, 2 o 3 fette di Read More
  • Norah Jones al Vittoriale

    Norah Jones suonerà al Vittoriale al Festival Tener-A-Mente il 24 luglio 2018. Attiva sulle scene musicali dal 2002, il debutto di Norah Read More
  • Il Mart a Sella Giudicarie con tre big dell'arte contemporanea

    E' la mostra Uomo, Natura, Cosmo, realizzata attraverso una sinergia tra l'amministrazione comunale e il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea Read More
  • FeralpiSalò, inizia la campagna abbonamenti

    Carica, determinazione, entusiasmo. In campo e sugli spalti. Quella che è iniziata è una stagione da vivere "Con Il Fuoco Dentro". Con Read More
  • Torna lo street food di Eatinero: appuntamento a Desenzano del Garda

    Dal 26 al 29 luglio, in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Desenzano del Garda, arriva per la prima volta Read More
  • Festival Tener-A-Mente: mercoledì 25 luglio arriva Marcus Miller

    MARCUS MILLER in concerto mercoledì 25 luglio 2018 Festival del Vittoriale TENER-A-MENTE Virtuoso del basso, compositore e produttore discografico statunitense, Marcus Miller, Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

RadioGiornale Mattina

  • Venerdì, 13 Aprile 2018 15:07
  • Pubblicato in Le Notizie

RadioGiornale del 14 aprile 2018 - Mattina

Una donna 60enne, impiegata civile come contabile amministrativa negli uffici della Questura di Brescia, è indagata per opera del pubblico ministero Ambrogio Cassiani con le accuse di peculato e falso in atto pubblico. L’ipotesi è che l’addetta, dal 2012, non abbia versato per intero le somme che riceveva dai poliziotti – oltre il ticket quotidiano disposto dal ministero dell’Interno – e dagli altri addetti amministrativi degli uffici di via Botticelli per la mensa. Così facendo la donna avrebbe intascato circa 120 mila euro. Sono stati il dirigente dell’ufficio Personale e gli addetti della prefettura a notare che qualcosa non andava nel momento in cui hanno voluto effettuare delle verifiche ai bilanci. Così è stata attivata anche la procura di Brescia che ha visto come le distinte di versamento presentate alla banca fossero in realtà falsificate. Tuttavia, dal conto personale dell’impiegata non si è riusciti a risalire al presunto furto della somma, che invece è poi emerso analizzando le somme registrate sui quaderni della questura.In tutto sarebbero mancati all’appello i circa 120 mila euro. Nei giorni precedenti a venerdì 13 aprile l’accusata si è vista notificare la chiusura delle indagini da parte del magistrato e risulta indagata. In ogni caso il suo legale fa sapere che la propria assistita è già stata sentita e che si sarebbe smarcata da ogni accusa e avrebbe anche giustificato ogni operazione che avrebbe condotto. Il magistrato ha chiesto al giudice delle udienze preliminari di fissare la data per l’eventuale e possibile richiesta di rinvio a giudizio.

Il tutor di rilevazione della velocità presente sulla tangenziale Sud di Brescia tra Brescia Centro e Rezzato in direzione di Verona resterà attivo e funzionante fino a quando il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non dovesse ritirare l’omologazione. E’ quanto hanno precisato il consigliere delegato della Provincia Diego Peli e il comandante della Polizia Provinciale Carlo Caromani per la vicenda della sentenza della Corte d’Appello di Roma che ha chiesto alla società Autostrade di rimuovere i suoi tutor perché copiati dal brevetto di un’altra azienda. E proprio quella che ha rifornito Autostrade del dispositivo incriminato è la stessa impresa che ha dato la strumentazione anche a palazzo Broletto. Quindi, ufficialmente resta tutto così sulla tangenziale Sud, anche perché il tutor garantisce comunque maggiore sicurezza ed evita incidenti stradali. Restano validi anche i verbali di multe già emessi, così come quelli che arriveranno. In ogni caso, la stessa Provincia si sta già muovendo per trovare altri strumenti simili e annuncia anche di fare ricorso contro l’azienda fornitrice per chiedere un risarcimento dei danni.

Andrea Diana resterà coach del Basket Brescia Leonessa almeno fino al 30 giugno 2020. L'allenatore livornese, infatti, ha raggiunto un accordo per il prolungamento del proprio contratto, allungando di un'ulteriore stagione (il suo precedente contratto sarebbe scaduto nel 2019) l’esperienza a Brescia iniziata nel lontano 2011. Alla Leonessa, infatti, il coach toscano ha trascorso finora tre stagioni come assistant coach (prima di Sandro Dell’Agnello, poi di Alberto Martelossi) e quattro da capo allenatore, a partire dall'estate del 2014. Da quando siede sulla panchina della Leonessa, Andrea Diana ha collezionato una serie di importanti risultati: la promozione ottenuta nel giugno del 2016, la salvezza ottenuta nel primo anno dal ritorno in Serie A e il miglior piazzamento di sempre nel massimo campionato di una squadra bresciana, già raggiunto dalla Germani di questa stagione nonostante manchino ancora cinque gare al termine della regular season.

 

PALCOSCENICO

L’organizzazione di Vivi Brescia, il circuito che riunisce le più significative manifestazioni di Brescia e provincia, è lieta di annunciare la presentazione del progetto che avverrà oggi. Sabato 14 Aprile alle ore 16.00, nell’area food del Centro Commerciale Rondinelle di Roncadelle in via E. Mattei. Vivi Brescia, che gode del patrocinio di Coldiretti Brescia, è la rete delle iniziative che caratterizzano il calendario bresciano e ciascuna, con le proprie caratteristiche, valorizza un’area, i prodotti locali e le tradizioni che in esso hanno posto le proprie radici.

 

METEO

Le previsioni del tempo per sabato 14 aprile: cielo generalmente nuvoloso per transito di nubi medio-alte. Precipitazioni assenti. Temperature minime in calo, massime in aumento. Venti deboli.