• A Padernello cose mai viste

    Il Castello di Padernello ospiterà il 12 e 13 maggio 2018 la prima edizione dell'evento handmade e riciclo "Padernello Cose Mai Viste". Read More
  • Appuntamenti ai Musei bresciani

    Una settimana tutta da vivere per diffondere conoscenza e cultura con un calendario ricchissimo tra mostre, eventi e linguaggi espressivi differenti, anche Read More
  • Anastacia arriva a Brescia!

    La leggenda del pop Anastacia – la fantastica voce dietro ai clamorosi successi 'I'm Outta Love' e 'Left Outside Alone' – torna in Europa Read More
  • Fabri Fibra: le Vacanze Tour 2018

    Lunedì 9 luglio in Piazza Loggia a Brescia. Dopo il grande successo del tour autunnale nei più importanti club d'Italia, durante il Read More
  • I Franz Ferdinand a Tener-A-Mente

    Tra le migliori band del panorama indie-rock mondiale, i Franz Ferdinand hanno pubblicato lo scorso 9 febbraio su etichetta Domino "Always Ascending", Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

RadioGiornale Pomeriggio

  • Venerdì, 12 Gennaio 2018 08:55
  • Pubblicato in Le Notizie

RadioGiornale del 12 Gennaio 2018 - Pomeriggio

 

Piove nelle aule ed è è crollata anche una parte del soffitto. Arriva dai genitori la denuncia sulle condizioni in cui versa la scuola dell’infanzia santi Pietro e Paolo di Azzano. Nessun ferito perché i calcinacci sono caduti durante la notte, la copertura ha ceduto a causa delle pesanti infiltrazioni che negli anni hanno reso il tetto fragile. Purtroppo la situazione è peggiorata drammaticamente, tanto che i bambini fanno lezione con i secchi per raccogliere l’acqua.

 

Dopo le meritate vacanze natalizie, i bambini della primaria di Fiesse sono tornati a scuola… ma lo scuolabus non è passato a prenderli: il Municipio non ha più un autista e non l’ha ancora sostituito. L’unico operaio comunale munito della patente idonea ha vinto un concorso e ha iniziato a lavorare altrove. Il trasporto scolastico quindi, per ora, è stato sospeso e chi ne usufruiva deve organizzarsi diversamente. Precisamente sono tredici i bambini delle elementari, residenti soprattutto nelle frazioni, rimasti a piedi.

 

Momenti di paura a Brescia: un 19enne, affetto da problemi psichici, ha prima picchiato la madre, poi è fuggito brandendo un grosso coltello da cucina. La tempestiva chiamata al 112 della donna e l'intervento della Polizia locale hanno evitato conseguenze ben peggiori. Il giovane, in preda a un raptus di follia, ha afferrato la madre al collo, facendola poi cadere. Dopo aver riversato la propria ira sulla donna ha preso un coltello dalla cucina e si è allontanato. Sul posto si sono precipitate le ambulanze e le pattuglie della locale: intimorito dalla presenza delle forze dell'ordine, il giovane si è rifiutato di rientrare a casa.   Le pattuglie hanno fatto quindi fatto allontanare i mezzi e si sono nascosti. Dopo alcuni minuti il giovane è ritornato verso casa: approfittando di una sua distrazione gli agenti sono riusciti a immobilizzarlo. Il diciannovenne è stato quindi accompagnato in ambulanza al Pronto Soccorso e, successivamente, è stato ricoverato nel reparto psichiatrico dell’ospedale Civile.

 

SPORT:

Poco prima di Natale gli arbitri e i giudici del CSI Brescia si sono riuniti per il tradizionale scambio di auguri e in quell'occasione si sono anche raccolti fondi, in base alla capacità di ciascuno, per portare un contributo al reparto di oncoematologia pediatrica del Civile. Due giorni dopo la Presidente, Amelia Morgano, accompagnata dal Responsabile di Arbitri e Giudici, Luca Monaco, ha portato alla struttura sanitaria quanto raccolto: 1000 euro. Felici per ogni donazione che arriva sono il Dottor Richard Fabian Schumacher e il coordinatore infermieristico Moreno Crotti Partel che ha accompagnato la delegazione ciessina alla scoperta del reparto. Una bella storia di sport e solidarietà con la quale ci si augura questi bambini possano vincere la loro partita più importante.