• A Padernello cose mai viste

    Il Castello di Padernello ospiterà il 12 e 13 maggio 2018 la prima edizione dell'evento handmade e riciclo "Padernello Cose Mai Viste". Read More
  • Appuntamenti ai Musei bresciani

    Una settimana tutta da vivere per diffondere conoscenza e cultura con un calendario ricchissimo tra mostre, eventi e linguaggi espressivi differenti, anche Read More
  • Anastacia arriva a Brescia!

    La leggenda del pop Anastacia – la fantastica voce dietro ai clamorosi successi 'I'm Outta Love' e 'Left Outside Alone' – torna in Europa Read More
  • Fabri Fibra: le Vacanze Tour 2018

    Lunedì 9 luglio in Piazza Loggia a Brescia. Dopo il grande successo del tour autunnale nei più importanti club d'Italia, durante il Read More
  • I Franz Ferdinand a Tener-A-Mente

    Tra le migliori band del panorama indie-rock mondiale, i Franz Ferdinand hanno pubblicato lo scorso 9 febbraio su etichetta Domino "Always Ascending", Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

RadioGiornale Pomeriggio

  • Venerdì, 19 Maggio 2017 09:56
  • Pubblicato in Le Notizie

RadioGiornale del 19 maggio 2017 - ore 16.00

 

Ieri pomeriggio a Ghedi si è consumato un dramma. Pierluigi Pietta, 59 anni, titolare del “Color Lab Vernici” è morto stroncato da un malore. E’ successo tutto in pochi istanti, intorno alle 17, quando l’imprenditore stava aiutando un cliente a caricare della merce sul suo furgone parcheggiato nel piazzale davanti all’azienda. A un certo punto avrebbe detto che non si sentiva bene e si è accasciato al suolo. E’ subito partita la corsa ai soccorsi con l’arrivo sul posto di un’ambulanza, ma i sanitari non hanno potuto fare altro che accertare la morte dell’uomo.

 

Due cittadini indiani sono stati arrestati per traffico di droga nel bresciano. A guidare l’attività di spaccio era un 38enne che durante il giorno svolgeva la normale attività di operaio all’ingrosso per un negozio di ortofrutta a Brescia. Ma la sera insieme all’amico pusher raggiungeva l’Austria con l’idea di importare altri prodotti tra frutta e verdura. Peccato che nel momento in cui tornava in Italia, tra la merce non c’erano solo questi elementi, ma anche papaveri per oppio da cui ricavare la droga. Le forze dell’ordine li hanno bloccati a un posto di blocco durante il ritorno a Brescia e per i due sono scattate le manette.

 

E’ originale, quanto illegale, la trovata di due automobilisti messa in scena durante il periodo della Mille Miglia in corso dopo la partenza di ieri. Sono state infatti “pizzicate” due auto storiche che tentavano di far parte della rassegna, ma senza aver alcun titolo. In un caso è bastato fotocopiare e rielaborare a computer un bollo fasullo, poi applicato al cofano della vettura. Un altro, invece, sulla portiera aveva attaccato un adesivo come vettura numero 494. Peccato che le auto partecipanti siano 460. Il secondo, che tentava di entrare in piazza Vittoria a Brescia durante le verifiche di punzonatura, è stato subito segnalato e denunciato alla polizia stradale.

 

La chiesa del Sacro Cuore di Gesù in località Duomo a Rovato è stata presa di mira dai vandali. O meglio, il sagrato che si trova davanti all’edificio religioso. Un gruppo di persone, forse ubriache o su di giri, muovendosi a piedi sul posto si sono scagliati contro l’arredo urbano e architettonico del complesso.  Hanno prima devastato diversi lampioni, poi hanno puntato l’attenzione su alcuni vasi di fiori. Un paio li hanno gettati a terra e un altro persino lanciato in un torrente vicino. Dopo lo scempio sono fuggiti.

 

 

SPORT

E’ finito in apnea, soffrendo come sempre fino all’ultimo, il campionato del Brescia. Nella serata di ieri, in un “Rigamonti” gremito in ogni ordine di posto, i ragazzi guidati da mister Gigi Cagni hanno infatti ottenuto un meritato successo contro il Trapani, vincendo per 2 a 1, raggiungendo così la salvezza e la permanenza in Serie B anche per l’anno prossimo. Le rondinelle sono partite col piede sull’acceleratore sbloccando l’incontro alla prima azione: era il 3° minuto quando su cross di Bisoli, Torregrossa insaccava di testa il gol dell’1 a 0. Al 18’ l’eterno Airone Caracciolo bruciava sullo scatto il difensore avversario siglando così il raddoppio con un diagonale rasoterra.