• La notte nelle contrade

    Flero si prepara a vivere la sua notte bianca, o meglio, "La notte nelle contrade". Sabato 27 Maggio, a partire dalle ore Read More
  • Notte bianca dello sport

    Sabato 27 Maggio, a Castegnato, a partire dalle ore 19.30 e fino alle ore 22.30 ci sarà la Notte bianca dello sport. Read More
  • Progetto Scuole DolceCasa cameo

    Una nuova esperienza didattica per gli istituti delle scuole primarie. È disponibile il calendario 2017/2018 del Progetto Scuole di DolceCasa cameo: la Read More
  • Nuovo DocuFilm di Ermanno Olmi al Nuovo Eden

    Giovedì 8 giugno 2017 alle ore 20,30 al cinema Nuovo Eden (Brescia, via Nino Bixio n.9) si terrà in anteprima bresciana la Read More
  • Una serata con il campione Cal Crutchlow e il Team MotoGP LCR Honda

    GIVI invita gli appassionati della moto a una serata con il campione Cal Crutchlow e il Team MotoGP LCR Honda per una Read More
  • Project Room: una vetrina in cui poter vedere e fare esperienza dell'arte

    In occasione degli Studi Aperti, venerdì 26 maggio, alle ore 18.00, inaugura a Brescia, da ROBERTO BERTOLI ARCHITETTO, la Project Room: una Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Bicicletta Mon Amour

200 anni di storia della bicicletta, dalla draisina al ciclismo moderno. Dal 19 maggio al 3 settembre 2017 al musil – Museo dell'Energia Idroelettrica di Cedegolo.
Inaugurazione 19 maggio 2017, ore 18.00

 


Al Museo dell'Energia Idroelettrica in Valle Camonica si ripercorrono i 200 anni di storia del ciclismo, dalla draisina, primo velocipede in legno con sterzo e freno posteriore, fino ai modelli più innovativi costruiti con materiali d'avanguardia.
Dal 19 maggio al 3 settembre 2017, il suggestivo sotterraneo del museo si trasformerà in una ciclofficina allestita con ogni tipo di esemplare, pannelli e gigantografie, il cui nucleo centrale è rappresentato da una serie di biciclette da competizione.
Si tratta di un tuffo nella storia del più popolare dei mezzi di trasporto mai utilizzati dall'uomo, che ha attraversato i capitoli fondamentali della memoria sociale e sportiva del nostro Paese e che concorre, ancora oggi, a costituirne l'identità storica e culturale.
Il 2 giugno è previsto un evento collaterale alla mostra organizzato con l'Associazione Pedale Vintage. Un cicloraduno che rievoca la storica gara ciclistica "Coppa di Breno" del 1908, in abbigliamento d'epoca e biciclette dei primi del Novecento.
Partendo dalla piazza di Cedegolo alle ore 11:00, le principali tappe saranno Edolo e Breno, rientrando alle ore 14.30 presso la piazza del musil, Museo dell'Energia Idroelettrica dove si potrà assistere alla dimostrazione di Bike Trial del campione italiano Nicola Scotti.
A seguire, alle ore 17:00, "Storia epica del Giro d'Italia", incontro in memoria di Vincenzo Torriani, storico patron del Giro, a cura di Mimmo Franzinelli, autore di una importante opera dedicata alla corsa in rosa, in dialogo con Marco Torriani.
La mostra è realizzata in collaborazione con l'Associazione Pedale Vintage, ha ricevuto il patrocinio di: Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Comune di Cedegolo, Comune di Ponte di Legno, Comunità Montana e Touring Club Italiano.

 

PERCORSO ESPOSITIVO
Il percorso espositivo è articolato in una serie di "stazioni" di carattere temporale volte a raccontare le origini, il presente e il futuro delle due ruote. Questi i numeri della mostra:
- 40 bici esposte;
- oltre 36 supporti espositivi, tra pannelli, gigantografie, manifesti di Walter Molino realizzati per la Domenica del Corriere, e quadri dell'ex professionista Miguel Soro che raffigurano e narrano l'epopea della bicicletta.
In particolare 8 grandi immagini offrono al visitatore scene spettacolari e memorabili dei grandi appuntamenti ciclistici di tutti i tempi;
- 5 manichini vestiti con divise d'epoca del ciclismo su strada.
Il primo velocipede brevettato è del 1817 grazie all'invenzione di Karl Dreis che prese il nome di draisina, un veicolo con due ruote e un manubrio per sterzare spinto e frenato con i piedi.
Nel 1866 fa la sua comparsa la francese Michaux e per la prima volta si parla di velocipede. Il meccanico francese Ernest Michaux aggiunse alla ruota anteriore della draisina i pedali e, solo qualche anno più tardi, un freno a paletta sulla ruota posteriore.
Nel 1871 arriva il biciclo, con struttura in metallo, dotato di una grande ruota anteriore, sulla quale agivano direttamente i pedali, e di un ruotino posteriore.
Le prime vere biciclette moderne munite di catena sono del 1885 e, in breve tempo, popolarono le strade del Belpaese cambiando per sempre i costumi degli italiani.
Nel 1891 la svolta epocale grazie all'invenzione del pneumatico con camera d'aria, e l'avvio delle prime corse professionistiche.
Con gli anni '30 "finalmente si cambia", si sperimentano nuovi telai e si utilizza il cambio di velocità, da 3 o 4 rapporti, è l'inizio della sfida dell'uomo contro il tempo.
Il punto di svolta arriva nel 1952 con il cambio "Grand Sport" della Campagnolo che consente l'utilizzo di 10 rapporti, efficiente e robusto garantisce prestazioni rivoluzionarie di altissimo livello.
Successivamente grandi miglioramenti si conseguono alleggerendo il peso delle biciclette. Alluminio, carbonio e titanio rappresentano i materiali più performanti sia per gli amatori che per i professionisti o i semplici fruitori.
Il dato di una recente indagine di Legambiente è incoraggiante: l'insieme degli spostamenti a pedali genera un fatturato da 6 miliardi di euro. Un dato che somma, oltre la produzione di bici e accessori, il sistema nella sua globalità comprendente il cicloturismo e l'insieme delle esternalità positive generate dai "biker" come: risparmio di carburante, benefit sanitari e riduzione di emissioni nocive.

 

L'ITALIA IN CORSA
La prima corsa di bicicli si svolse nel 1868 a Parigi. In Italia la prima importante corsa su strada fu, nel 1870, la Firenze-Pistoia. 33 chilometri di gara. Dpo Firenze e Milano, anche Brescia e Torino organizzano prove su strada. I club dei velocipedisti nascono ovunque per promuovere le corse. Nel 1875 si costituiscono il Veloce Club Torino e il Veloce Club Bresciano. Nel 1892 è la volta della Liegi-Bastogne-Liegi, è la più antica tra le classiche belghe e la seconda più antica in assoluto dopo la Milano-Torino (1876).
Si continuano a organizzare gare. Nel 1905 è il Giro di Lombardia, nel 1907 la Milano-Sanremo e nel 1909 la prima edizione del Giro d'Italia. Sulle cronache sportive ricorrono i nomi di Petit Breton, Maurice Garin, Giovanni Gerbi detto "Diavolo rosso", vincitore del primo Giro di Lombardia, e tra i molti che hanno scritto la storia del ciclismo in mostra a Cedegolo si ricordano Fausto Coppi, Gino Bartali, Felice Gimondi e ancora Francesco Moser, Beppe Saronni e Marco Pantani.

 

 

SCHEDA MOSTRA

Titolo: Bicicletta mon amour
Date: 19 maggio – 3 settembre 2017
Luogo: Musil – Museo dell'Energia Idroelettrica
Indirizzo: Via Roma 48 - 25051 Cedegolo – Brescia
Tel. +39 0364 61 196 - www.musilcedegolo.it

Orari museo:
Maggio - Giugno - Settembre - Ottobre - Novembre
Venerdì 14:00 - 18:00
Sabato 14:00 - 18:00
Domenica 14:00 - 18:00
Luglio - Agosto
Tutti i giorni 14:00 - 19:00

Tariffe biglietti d'ingresso
• Biglietto intero: € 4
• Biglietto ridotto (fino a 25 anni e oltre 65 anni): € 3
• Biglietto bambini sotto i 6 anni e accompagnatori di gruppi: gratuito.

 

Data di pubblicazione 18/05/2017