• Gianni Morandi in tour, a febbraio una data storica a Brescia

    Un grande appuntamento con la musica italiana quello che è stato annunciato in questi giorni: il 26 febbraio il Palageorge di Montichiari Read More
  • "Picasso, De Chirico, Morandi": esposizione dal 20 gennaio al 10 giugno 2018

    Da gennaio 2018 le porte delle più raffinate e importanti dimore di Brescia si apriranno eccezionalmente per mostrare il frutto di un Read More
  • Suoni e Sapori del Garda prosegue

    Riprende sabato 23 settembre la quinta rassegna "Suoni e Sapori del Garda", la serie di diciannove concerti nel Circuito dei Comuni del Read More
  • Al Vittoriale l'automobile è femmina

    "Ma c'è anche un'Italia che guarda in alto, che mira lontano", sono parole che d'Annunzio scriveva nel 1922 ma che suonano attuali Read More
  • Boom di pubblico per Fred de Palma, manca solo RKomi

    Al centro commerciale Freccia Rossa in tantissimi per incontrare l'amato rapper Fred De Palma! Domenica 17 settembre, infatti, il cantante ha trascorso Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Bicicletta Mon Amour

200 anni di storia della bicicletta, dalla draisina al ciclismo moderno. Dal 19 maggio al 3 settembre 2017 al musil – Museo dell'Energia Idroelettrica di Cedegolo.
Inaugurazione 19 maggio 2017, ore 18.00

 


Al Museo dell'Energia Idroelettrica in Valle Camonica si ripercorrono i 200 anni di storia del ciclismo, dalla draisina, primo velocipede in legno con sterzo e freno posteriore, fino ai modelli più innovativi costruiti con materiali d'avanguardia.
Dal 19 maggio al 3 settembre 2017, il suggestivo sotterraneo del museo si trasformerà in una ciclofficina allestita con ogni tipo di esemplare, pannelli e gigantografie, il cui nucleo centrale è rappresentato da una serie di biciclette da competizione.
Si tratta di un tuffo nella storia del più popolare dei mezzi di trasporto mai utilizzati dall'uomo, che ha attraversato i capitoli fondamentali della memoria sociale e sportiva del nostro Paese e che concorre, ancora oggi, a costituirne l'identità storica e culturale.
Il 2 giugno è previsto un evento collaterale alla mostra organizzato con l'Associazione Pedale Vintage. Un cicloraduno che rievoca la storica gara ciclistica "Coppa di Breno" del 1908, in abbigliamento d'epoca e biciclette dei primi del Novecento.
Partendo dalla piazza di Cedegolo alle ore 11:00, le principali tappe saranno Edolo e Breno, rientrando alle ore 14.30 presso la piazza del musil, Museo dell'Energia Idroelettrica dove si potrà assistere alla dimostrazione di Bike Trial del campione italiano Nicola Scotti.
A seguire, alle ore 17:00, "Storia epica del Giro d'Italia", incontro in memoria di Vincenzo Torriani, storico patron del Giro, a cura di Mimmo Franzinelli, autore di una importante opera dedicata alla corsa in rosa, in dialogo con Marco Torriani.
La mostra è realizzata in collaborazione con l'Associazione Pedale Vintage, ha ricevuto il patrocinio di: Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Comune di Cedegolo, Comune di Ponte di Legno, Comunità Montana e Touring Club Italiano.

 

PERCORSO ESPOSITIVO
Il percorso espositivo è articolato in una serie di "stazioni" di carattere temporale volte a raccontare le origini, il presente e il futuro delle due ruote. Questi i numeri della mostra:
- 40 bici esposte;
- oltre 36 supporti espositivi, tra pannelli, gigantografie, manifesti di Walter Molino realizzati per la Domenica del Corriere, e quadri dell'ex professionista Miguel Soro che raffigurano e narrano l'epopea della bicicletta.
In particolare 8 grandi immagini offrono al visitatore scene spettacolari e memorabili dei grandi appuntamenti ciclistici di tutti i tempi;
- 5 manichini vestiti con divise d'epoca del ciclismo su strada.
Il primo velocipede brevettato è del 1817 grazie all'invenzione di Karl Dreis che prese il nome di draisina, un veicolo con due ruote e un manubrio per sterzare spinto e frenato con i piedi.
Nel 1866 fa la sua comparsa la francese Michaux e per la prima volta si parla di velocipede. Il meccanico francese Ernest Michaux aggiunse alla ruota anteriore della draisina i pedali e, solo qualche anno più tardi, un freno a paletta sulla ruota posteriore.
Nel 1871 arriva il biciclo, con struttura in metallo, dotato di una grande ruota anteriore, sulla quale agivano direttamente i pedali, e di un ruotino posteriore.
Le prime vere biciclette moderne munite di catena sono del 1885 e, in breve tempo, popolarono le strade del Belpaese cambiando per sempre i costumi degli italiani.
Nel 1891 la svolta epocale grazie all'invenzione del pneumatico con camera d'aria, e l'avvio delle prime corse professionistiche.
Con gli anni '30 "finalmente si cambia", si sperimentano nuovi telai e si utilizza il cambio di velocità, da 3 o 4 rapporti, è l'inizio della sfida dell'uomo contro il tempo.
Il punto di svolta arriva nel 1952 con il cambio "Grand Sport" della Campagnolo che consente l'utilizzo di 10 rapporti, efficiente e robusto garantisce prestazioni rivoluzionarie di altissimo livello.
Successivamente grandi miglioramenti si conseguono alleggerendo il peso delle biciclette. Alluminio, carbonio e titanio rappresentano i materiali più performanti sia per gli amatori che per i professionisti o i semplici fruitori.
Il dato di una recente indagine di Legambiente è incoraggiante: l'insieme degli spostamenti a pedali genera un fatturato da 6 miliardi di euro. Un dato che somma, oltre la produzione di bici e accessori, il sistema nella sua globalità comprendente il cicloturismo e l'insieme delle esternalità positive generate dai "biker" come: risparmio di carburante, benefit sanitari e riduzione di emissioni nocive.

 

L'ITALIA IN CORSA
La prima corsa di bicicli si svolse nel 1868 a Parigi. In Italia la prima importante corsa su strada fu, nel 1870, la Firenze-Pistoia. 33 chilometri di gara. Dpo Firenze e Milano, anche Brescia e Torino organizzano prove su strada. I club dei velocipedisti nascono ovunque per promuovere le corse. Nel 1875 si costituiscono il Veloce Club Torino e il Veloce Club Bresciano. Nel 1892 è la volta della Liegi-Bastogne-Liegi, è la più antica tra le classiche belghe e la seconda più antica in assoluto dopo la Milano-Torino (1876).
Si continuano a organizzare gare. Nel 1905 è il Giro di Lombardia, nel 1907 la Milano-Sanremo e nel 1909 la prima edizione del Giro d'Italia. Sulle cronache sportive ricorrono i nomi di Petit Breton, Maurice Garin, Giovanni Gerbi detto "Diavolo rosso", vincitore del primo Giro di Lombardia, e tra i molti che hanno scritto la storia del ciclismo in mostra a Cedegolo si ricordano Fausto Coppi, Gino Bartali, Felice Gimondi e ancora Francesco Moser, Beppe Saronni e Marco Pantani.

 

 

SCHEDA MOSTRA

Titolo: Bicicletta mon amour
Date: 19 maggio – 3 settembre 2017
Luogo: Musil – Museo dell'Energia Idroelettrica
Indirizzo: Via Roma 48 - 25051 Cedegolo – Brescia
Tel. +39 0364 61 196 - www.musilcedegolo.it

Orari museo:
Maggio - Giugno - Settembre - Ottobre - Novembre
Venerdì 14:00 - 18:00
Sabato 14:00 - 18:00
Domenica 14:00 - 18:00
Luglio - Agosto
Tutti i giorni 14:00 - 19:00

Tariffe biglietti d'ingresso
• Biglietto intero: € 4
• Biglietto ridotto (fino a 25 anni e oltre 65 anni): € 3
• Biglietto bambini sotto i 6 anni e accompagnatori di gruppi: gratuito.

 

Data di pubblicazione 18/05/2017