• La notte nelle contrade

    Flero si prepara a vivere la sua notte bianca, o meglio, "La notte nelle contrade". Sabato 27 Maggio, a partire dalle ore Read More
  • Notte bianca dello sport

    Sabato 27 Maggio, a Castegnato, a partire dalle ore 19.30 e fino alle ore 22.30 ci sarà la Notte bianca dello sport. Read More
  • Progetto Scuole DolceCasa cameo

    Una nuova esperienza didattica per gli istituti delle scuole primarie. È disponibile il calendario 2017/2018 del Progetto Scuole di DolceCasa cameo: la Read More
  • Nuovo DocuFilm di Ermanno Olmi al Nuovo Eden

    Giovedì 8 giugno 2017 alle ore 20,30 al cinema Nuovo Eden (Brescia, via Nino Bixio n.9) si terrà in anteprima bresciana la Read More
  • Una serata con il campione Cal Crutchlow e il Team MotoGP LCR Honda

    GIVI invita gli appassionati della moto a una serata con il campione Cal Crutchlow e il Team MotoGP LCR Honda per una Read More
  • Project Room: una vetrina in cui poter vedere e fare esperienza dell'arte

    In occasione degli Studi Aperti, venerdì 26 maggio, alle ore 18.00, inaugura a Brescia, da ROBERTO BERTOLI ARCHITETTO, la Project Room: una Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

RadioGiornale Pomeriggio

  • Mercoledì, 17 Maggio 2017 09:54
  • Pubblicato in Le Notizie

RadioGiornale del 17 maggio 2017 - Pomeriggio

 

Ieri pomeriggio si è verificato un drammatico incidente stradale tra un’auto e una moto sulla provinciale 66 a Ghedi. Lo scontro ha coinvolto due colleghi dell’aeronautica che, intorno alle 17, erano usciti dal vicino aeroporto militare al termine della giornata di lavoro. Sembra che entrambi, il centauro americano di 33 anni e l’autista 52enne italiano, si stessero muovendo nella stessa direzione, verso Castenedolo. A un certo punto, la due ruote avrebbe tentato un sorpasso proprio sulla vettura che però, in quel momento, aveva leggermente frenato per entrare in una piccola strada laterale. Il motociclista non è riuscito a fermarsi in tempo ed è andato a sbattere contro l’auto, finendo poi sbalzato dalla sella nel vicino campo coltivato. Le condizioni del centauro sono parse molto gravi ed è stato trasportato in volo, in codice rosso, all’ospedale Civile di Brescia e si trova ricoverato in Rianimazione con la riserva della prognosi.

 

Nel pomeriggio di ieri è divampato un incendio in un condominio di via Gramsci a Chiari. Le fiamme sono partite, sembra in modo accidentale, dalla cantina della palazzina. Il primo a intervenire sul posto è stato un carabiniere, in quel momento libero dal servizio, che ha sentito le urla di un uomo provenire proprio dallo scantinato. Quindi, è riuscito in qualche modo a liberarlo insieme alla moglie e a un loro figlio. Subito dopo lo stesso militare ha attivato il 112 chiedendo l’intervento dei colleghi, dei vigili del fuoco e dei soccorsi. Nel frattempo la densa colonna di fumo saliva dal basso lungo la tromba delle scale tra i sei appartamenti presenti e arrivando fino a toccare le porte d’ingresso delle varie case. Le famiglie, 15 persone in tutto presenti in quel momento sono state costrette a rifugiarsi sui balconi esterni. Sul posto sono poi giunti i carabinieri di Chiari con due squadre di vigili del fuoco locali e da Brescia. Con l’uso delle scale i pompieri sono riusciti a portare all’esterno i residenti evacuando l’intero palazzo.

 

Due famiglie residenti a Bagnolo Mella si sono trovate un cancello di casa sfondato e un’auto distrutta. Se ne sono accorti nel momento in cui si sono svegliati per andare al lavoro, anche se già nella notte avevano avvertito un forte rumore. Una famiglia si è trovata devastata una vettura che aveva controllato poche ore prima per rottamarla. L’altra, invece, aveva un pezzo di muretto di cinta crollato a terra. I militari hanno raccolto alcune testimonianze tra i vicini di casa e hanno notato una vettura accostata e con diversi segni sulla carrozzeria. Tutti compatibili con il doppio scontro verso l’auto rotta e il cancello. Così la polizia ha rintracciato i proprietari che hanno ammesso il danneggiamento. Si faranno carico delle spese per i danni.

 

Nei giorni scorsi Abderrhaim El Mouckhtari, l’assassino della terapista psichiatrica Nadia Pulvirenti alla cascina Clarabella di Iseo, nel bresciano, è stato trasferito dal carcere di Canton Mombello all’ex ospedale Rems di Castiglione delle Stiviere, nel mantovano. L’uomo, 54enne marocchino, in riabilitazione per dieci anni all’interno della struttura protetta, il 3 febbraio aveva accoltellato a morte la 25enne bresciana che aveva in cura il paziente da alcuni anni. Intanto, il nordafricano è stato sottoposto a una perizia psichiatrica i cui risultati saranno diffusi in seguito. L’uomo, negli interrogatori dopo il delitto, non aveva mai giustificato quel raptus dicendo di non ricordare nulla di quanto avvenuto in quei minuti. Nel frattempo il sostituto procuratore di Brescia Erica Battaglia sta proseguendo le indagini.

 

SPORT

“Un piacere per occhi, cuore e gambe” è lo slogan per eccellenza della “StraMontisola”, la manifestazione podistica competitiva e non competitiva che domenica 21 maggio porterà ancora una volta al centro dell’attenzione generale la splendida isola al centro del Lago d’Iseo e le sue bellezze. Una manifestazione che è molto di più di un semplice momento di sport e che pone in primo piano, insieme al patrocinio della locale Amministrazione Comunale, la firma organizzativa dell’Aics, della Fidal, della Young Running e di Rosa e Associati. Le iscrizioni rimarranno aperte fino al giorno della gara, che prenderà il via alle 10 dalla località Ere a Peschiera Maraglio. Da lì i partecipanti affronteranno un circuito di 9,4 km che seguirà in senso antiorario il perimetro dell’isola.